FINANZAEINVESTIMENTI.IT - Il sito di informazione e analisi finanziara indipendente -

Ricerca lavoro impiegati finanziari

Interventi a favore delle popolazioni delle Regioni del Centro Italia colpite dal terremoto

Vota questo articolo
(1 Vota)

Fisco agevolazioni zone terremotateIl D.L. n. 50 del 24.4.2017 (cosiddetta “manovra correttiva”) è stato convertito con la Legge n. 96 del 21.6.2017, prevedendo  ulteriori interventi in favore delle popolazioni delle Regioni Marche, Lazio, Abruzzo e Umbria, colpite dagli eventi sismici verificatisi a partire dal 24.8.2016. Le nuove disposizioni integrano e modificano quelle contenute nei precedenti D.L. n. 189 del 17.10.2016 (convertito con la Legge n. 229 del 15.12.2016) e D.L. n. 8 del 9.2.2017 (convertito con la Legge n. 45 del 7.4.2017, e riguardano:

 

  1. la proroga della facoltà di non operare alcune tipologie di ritenute;
  2. l’ulteriore differimento del periodo di sospensione degli adempimenti fiscali;
  3. la modifica dei termini e delle modalità per effettuare gli adempimenti fiscali sospesi;
  4. la proroga dell’esenzione dal pagamento delle imposte di bollo e di registro su determinati atti.

 

In relazione ai contribuenti titolari di redditi di lavoro dipendente e dei previsti redditi assimilati, residenti nei suddetti territori, viene altresì prevista la possibilità di presentare il Modello 730 applicando la speciale disciplina prevista in assenza di un sostituto d’imposta, anche in presenza di un sostituto d’imposta tenuto a effettuare il conguaglio, ottenendo così i rimborsi derivanti dalla dichiarazione direttamente dall’Agenzia delle Entrate.

 

 

Sospensione dei termini per gli adempimenti fiscali - Ulteriori disposizioni

 

Il D.L. n. 50 del 24.4.2017 (cosiddetta “manovra correttiva”) è stato convertito con la Legge n. 96 del 21.6.2017, prevedendo numerose novità rispetto al testo originario. In particolare, sono stati  previsti ulteriori interventi in favore delle popolazioni delle Regioni Marche, Lazio, Abruzzo e Umbria, colpite dagli eventi sismici verificatisi a partire dal 24.8.2016.

 

OSSERVA

Le nuove disposizioni integrano e modificano quelle contenute nei precedenti D.L. n. 189 del 17.10.2016 (convertito con la Legge n. 229 del 15.12.2016) e D.L. n. 8 del 9.2.2017 (convertito con la Legge n. 45 del 7.4.2017), e riguardano:

 

  • la proroga della facoltà di non operare alcune tipologie di ritenute;
  • l’ulteriore differimento del periodo di sospensione degli adempimenti fiscali;
  • la modifica dei termini e delle modalità per effettuare gli adempimenti fiscali sospesi;
  • la proroga dell’esenzione dal pagamento delle imposte di bollo e di registro su determinati atti.

 

 

Territori interessati

 

Le disposizioni in esame si applicano nei confronti dei soggetti residenti, o aventi la sede legale od operativa, nel territorio dei Comuni terremotati il cui elenco è riportato in allegato al D.L. n. 189 del 17.10.2016 (convertito con la Legge n. 229 del 15.12.2016), suddiviso tra:

 

  • Comuni colpiti dal sisma del 24.8.2016, riportati nell’Allegato 1;

 

Elenco dei Comuni colpiti dal sisma del 24 agosto 2016

REGIONE

ABRUZZO

Area Alto Aterno - Gran Sasso Laga: 1. Campotosto (AQ); 2. Capitignano (AQ); 3. Montereale (AQ); 4. Rocca Santa Maria (TE); 5. Valle Castellana (TE); 6. Cortino (TE); 7. Crognaleto (TE); 8. Montorio al Vomano (TE).

REGIONE

LAZIO

Sub ambito territoriale Monti Reatini: 9. Accumoli (RI);10. Amatrice (RI); 11. Antrodoco (RI); 12. Borbona (RI); 13. Borgo Velino (RI); 14. Castel Sant'Angelo (RI); 15. Cittareale (RI); 16. Leonessa (RI); 17. Micigliano (RI); 18. Posta (RI).

REGIONE

MARCHE

Sub ambito territoriale Ascoli Piceno-Fermo: 19. Amandola (FM); 20. Acquasanta Terme (AP); 21. Arquata del Tronto (AP); 22. Comunanza (AP); 23. Cossignano (AP); 24. Force (AP); 25. Montalto delle Marche (AP); 26. Montedinove (AP); 27. Montefortino (FM); 28. Montegallo (AP); 29. Montemonaco (AP); 30. Palmiano (AP); 31. Roccafluvione (AP); 32. Rotella (AP); 33. Venarotta (AP).

Sub ambito territoriale Nuovo Maceratese: 34. Acquacanina (MC); 35. Bolognola (MC); 36. Castelsantangelo sul Nera (MC); 37. Cessapalombo (MC); 38. Fiastra (MC); 39. Fiordimonte (MC); 40. Gualdo (MC); 41. Penna San Giovanni (MC); 42. Pievebovigliana (MC); 43. Pieve Torina (MC); 44. San Ginesio (MC);  45. Sant'Angelo in Pontano (MC); 46. Sarnano (MC); 47. Ussita (MC); 48. Visso (MC).

REGIONE

UMBRIA

Area Val Nerina: 49. Arrone (TR); 50. Cascia (PG); 51. Cerreto di Spoleto (PG); 52. Ferentillo (TR); 53. Montefranco (TR); 54. Monteleone di Spoleto (PG);  55. Norcia (PG); 56. Poggiodomo (PG); 57. Polino (TR); 58. Preci (PG); 59. Sant'Anatolia di Narco (PG); 60. Scheggino (PG); 61. Sellano (PG); 62. Vallo di Nera (PG).

 

  • Comuni colpiti dal sisma del 26 e 30.10.2016, riportati nell’Allegato 2;

 

Elenco dei Comuni colpiti dal sisma del 26 e del 30 ottobre 2016

REGIONE ABRUZZO

1. Campli (TE); 2. Castelli (TE); 3. Civitella del Tronto (TE);  4. Torricella Sicura (TE); 5. Tossicia (TE);  6. Teramo.

REGIONE LAZIO

7. Cantalice (RI);  8. Cittaducale (RI); 9. Poggio Bustone (RI); 10. Rieti; 11. Rivodutri (RI).

REGIONE MARCHE

12. Apiro (MC);  13. Appignano del Tronto (AP); 14. Ascoli Piceno; 15. Belforte del Chienti (MC); 16. Belmonte Piceno (FM); 17. Caldarola (MC); 18. Camerino (MC); 19. Camporotondo di Fiastrone (MC); 20. Castel di Lama (AP); 21. Castelraimondo (MC); 22. Castignano (AP); 23. Castorano (AP); 24. Cerreto D'esi (AN); 25. Cingoli (MC); 26. Colli del Tronto (AP); 27. Colmurano (MC); 28. Corridonia (MC); 29. Esanatoglia (MC);  30. Fabriano (AN); 31. Falerone (FM); 32. Fiuminata (MC); 33. Folignano (AP); 34. Gagliole (MC); 35. Loro Piceno (MC); 36. Macerata; 37. Maltignano (AP); 38. Massa Fermana (FM); 39. Matelica (MC); 40. Mogliano (MC); 41. Monsapietro Morico (FM); 42. Montappone (FM); 43. Monte Rinaldo (FM);  44. Monte San Martino (MC); 45. Monte Vidon Corrado (FM); 46. Montecavallo (MC); 47. Montefalcone Appennino (FM); 48. Montegiorgio (FM); 49. Monteleone (FM); 50. Montelparo (FM); 51. Muccia (MC); 52. Offida (AP); 53. Ortezzano (FM); 54. Petriolo (MC); 55. Pioraco (MC); 56. Poggio San Vicino (MC); 57. Pollenza (MC); 58. Ripe San Ginesio (MC); 59. San Severino Marche (MC); 60. Santa Vittoria in Matenano (FM); 61. Sefro (MC); 62. Serrapetrona (MC); 63. Serravalle del Chienti (MC); 64. Servigliano (FM); 65. Smerillo (FM); 66. Tolentino (MC); 67. Treia (MC); 68. Urbisaglia (MC).

REGIONE UMBRIA

69. Spoleto (PG).

 

  • Comuni colpiti dal sisma del 18.1.2017, riportati nell’Allegato 2-bis.

 

Elenco dei Comuni colpiti dal sisma del 18 gennaio 2017

REGIONE ABRUZZO

1) Barete (AQ);  2) Cagnano Amiterno (AQ);  3) Pizzoli (AQ); 4) Farindola (PE);  5) Castelcastagna (TE);  6) Colledara (TE); 7) Isola del Gran Sasso (TE);  8) Pietracamela (TE);  9) Fano Adriano (TE).

 

OSSERVA

In relazione ai Comuni di Teramo, Rieti, Ascoli Piceno, Macerata, Fabriano e Spoleto, le disposizioni in esame si applicano limitatamente ai singoli soggetti danneggiati che dichiarino l’inagibilità del fabbricato, casa di abitazione, studio professionale o azienda, ai sensi del D.P.R. n. 445 del 28.12.2000, con trasmissione agli uffici dell’Agenzia delle Entrate e dell’INPS territorialmente competenti.

 

 

Proroga della facoltà di non operare alcune tipologie di ritenute

 

I sostituti d’imposta, indipendentemente dal domicilio fiscale, a richiesta degli interessati residenti nei Comuni terremotati, non devono operare le ritenute alla fonte a decorrere dall’1.1.2017 e fino al 31.12.2017 (prima 30.11.2017).

 

OSSERVA

La sospensione dei pagamenti delle imposte sui redditi mediante ritenuta alla fonte si applica per le ritenute operate ai sensi degli articoli 23, 24 e 29 del D.P.R. n. 600/1973. Quanto già versato non può comunque essere rimborsato.

 

Il versamento delle ritenute non operate può avvenire:

 

  • anche mediante rateizzazione fino a un massimo di 18 rate mensili di pari importo, a decorrere dal mese successivo alla data di scadenza della sospensione, senza applicazione di sanzioni e interessi;
  • secondo modalità e termini da stabilire con Decreto del Ministro dell’Economia e delle Finanze, da emanare entro il 30.11.2017.

 

 

Sospensione dei versamenti e degli altri adempimenti fiscali

 

Per i soggetti diversi dai titolari di reddito d’impresa o di lavoro autonomo o dagli esercenti attività agricole, la sospensione dei versamenti e degli altri adempimenti fiscali viene ulteriormente prorogata dal 30.11.2017 al 31.12.2017.

 

OSSERVA

Per i titolari di reddito d’impresa o di lavoro autonomo e gli esercenti attività agricole, la sospensione in esame rimane invece applicabile fino al 30.11.2017.

 

 

Sospensione delle attività di riscossione ed esecutive

 

Sono sospesi dall’1.1.2017 fino alla scadenza dei termini di sospensione dei versamenti tributari:

 

  • i termini per la notifica delle cartelle di pagamento e per la riscossione delle somme risultanti dagli atti di cui agli articoli 29 e 30 del D.L. n. 78/2010 (accertamenti esecutivi e avvisi di addebito esecutivi dell’INPS);
  • le attività esecutive da parte degli Agenti della Riscossione;
  • i termini di prescrizione e decadenza relativi all’attività degli enti creditori, ivi compresi quelli degli enti locali.

 

OSSERVA

I suddetti termini riprendono a decorrere dalla fine del periodo di sospensione.

 

 

Effettuazione dei versamenti tributari sospesi

 

I versamenti tributari sospesi dovranno essere effettuati:

 

  • entro il 16.12.2017, dai soggetti titolari di reddito d’impresa o di lavoro autonomo e dagli esercenti attività agricole;
  • entro il 16.2.2018, dai soggetti diversi dai precedenti;
  • senza applicazione di sanzioni e interessi.

            

Inoltre, i soggetti diversi dai titolari di reddito d’impresa o di lavoro autonomo o dagli esercenti attività agricole potranno versare le somme oggetto di sospensione:

 

  • mediante rateizzazione fino a un massimo di 9 rate mensili di pari importo, a decorrere dal 16.2.2018;
  • senza applicazione di sanzioni e interessi.

 

OSSERVA

Per il pagamento entro il 16.12.2017 dei tributi sospesi fino al 30.11.2017, i titolari di reddito d’impresa,di reddito di lavoro autonomo e gli esercenti attività agricole, potranno invece chiedere ai soggetti autorizzati all’esercizio del credito un finanziamento assistito dalla garanzia dello Stato.

 

Gli altri adempimenti fiscali, diversi dai versamenti, oggetto di sospensione dovranno essere effettuati entro il 28.2.2018 (prima 31.12.2017).

 

 

Esenzione dal pagamento delle imposte di bollo e di registro

 

Viene, altresì, prorogata dal 31.12.2017 al 31.12.2018 l’esenzione dal pagamento dell’imposta di bollo e dell’imposta di registro:

 

  • per le istanze, i contratti e i documenti presentati alla Pubblica Amministrazione, in esecuzione di quanto stabilito dalle ordinanze del Commissario straordinario del Governo per la ricostruzione nei territori terremotati;
  • a favore delle persone fisiche residenti o domiciliate e delle persone giuridiche che hanno la sede legale od operativa nei Comuni terremotati.

 

 

Modelli 730/2017 dei soggetti terremotati

 

In relazione ai contribuenti titolari di redditi di lavoro dipendente e dei previsti redditi assimilati, residenti nei territori delle Regioni Marche, Lazio, Abruzzo e Umbria, colpiti dagli eventi sismici verificatisi a partire dal 24.8.2016, viene prevista la possibilità di presentare il Modello 730 applicando la speciale disciplina prevista in assenza di un sostituto d’imposta, anche in presenza di un sostituto d’imposta tenuto a effettuare il conguaglio, ottenendo così i rimborsi derivanti dalla dichiarazione direttamente dall’Agenzia delle Entrate. La nuova disciplina:

 

  • è applicabile solo con riferimento al periodo d’imposta 2016, quindi in relazione ai Modelli 730/2017;
  • intende superare le difficoltà che si possono verificare nell’effettuazione dei conguagli a credito del contribuente, a causa dell’insufficienza dell’ammontare complessivo delle ritenute operate dal sostituto d’imposta, anche in relazione alla prevista possibilità di non operare le ritenute stesse, come sopra indicato.

 

OSSERVA

Se dal Modello 730/2017 emergono invece imposte da versare, l’applicazione della disciplina prevista in assenza di sostituto d’imposta comporta che il pagamento deve essere effettuato con le modalità ed entro i termini previsti per i versamenti derivanti dal Modello REDDITI 2017 PF.

 

 

 

Paolo Chiari

Commercialista - Revisore Contabile

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Plus500

Copyright Finanzaeinvestimenti.it

RIPRODUZIONE RISERVATA

Il presente documento non costituisce sollecito all'investimento ma contiene informazioni ad esclusivo scopo informativo, frutto di studi e operativita' degli autori.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Filtri ricerca


La nostra Newsletter

Registrati per avere la nostra guida al trading online in formato PDF!!

I nostri autori

Chi è online

Abbiamo 75 visitatori online su F&I

E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica.

Copyright 2013 - Finanzaeinvestimenti.it

Per eventuali segnalazioni, inviare una mail all'indirizzo info@finanzaeinvestimenti.it





Avviso importante sui rischi: le opzioni, il forex o gli altri strumenti finanziari offrono grandi possibilità di profitto, ma anche molti rischi. Per questo motivo il trading non è adatto a tutti gli investitori; prima di compiere qualsiasi operazione, investimento o deposito di denaro, è necessario comprendere appieno sia le potenzialità che i rischi. Bisogna essere pienamente coscienti delle potenziali perdite, per evitare sgradevoli situazioni. Tutte le informazioni contenute su Finanzaeinvestimenti.it sono fornite a solo scopo informativo e non costituiscono sollecitazione ad investimenti di qualsiasi genere. Non siamo un broker, una banca, una società d'investimento o un intermediario finanziario e non forniamo alcun servizio finanziario, d'investimento o di trading, pertanto, non ci riteniamo responsabili per qualsiasi eventuale perdita subita dal visitarore. Inoltre, Finanzaeinvestimenti.it non garantisce dell'accuratezza o della completezza delle informazioni fornite, e non si ritiene responsabile per qualsiasi errore, omissione o imprecisione.