FINANZAEINVESTIMENTI.IT - Il sito di informazione e analisi finanziara indipendente -

Ricerca lavoro impiegati finanziari

Il dollaro torna a cedere terreno

Vota questo articolo
(1 Vota)

Trend valute cambio euro dollaroNella prima seduta della nuova settimana, contrassegnata dalla festività sulle piazze azionarie americane che ha in qualche modo sottratto spessore agli scambi, il dollaro è tornato a cedere debolmente terreno, cancellando parte del recupero che aveva intrapreso nel corso della precedente settimana. Le quotazioni del cross euro dollaro, sin dalle prime ore della mattinata, hanno varcato nuovamente al rialzo la soglia di 1.19, dopo essere scese al di sotto di quel livello lo scorso venerdì (chiusura in area 1.1850).

 

La dinamica in oggetto può essere parzialmente interpretata come la risposta del mercato al flusso dei dati macroeconomici, che ieri hanno visto un aumento superiore al consenso dell’indice Sentix, uno dei termometri impiegati dagli investitori per misurare lo stato di salute dell’economia europea: la rilevazione è cresciuta a 28.2 per settembre, da 27.7 di agosto, rasentando le quote di picco dal 2007 che aveva formalmente segnato nello scorso mese di luglio, cosi da ribadire per altra via la forza davvero elevata della fase ciclica attraversata dall’Unione Monetaria.

 

In realtà, non si e trattato solo di questo, dal momento che il montare dell’avversione al rischio, che è seguita al potente test nucleare da parte della Corea del Nord, con il lancio della bomba all’idrogeno, ha davvero squarciato l’orizzonte degli investitori, permeandolo di un diffuso clima di incertezza che si assomma alle nebbie che già da qualche tempo avvolgono il fronte della politica monetaria statunitense: il dollaro soffre così inevitabilmente l’assenza di qualsivoglia prospettiva di ulteriori aumenti del costo del denaro nell’anno in corso.

 

I movimenti sono complessivamente limitati, poichè sono per il momento basse le attese di un conflitto nucleare aperto, tuttavia lo scenario descritto lascia tracce evidenti di se nei movimenti di apprezzamento di valute come lo yen ed il franco svizzero, particolarmente sensibili a questo genere di dinamiche.

 

Il franco si è portato, nel movimento infragiornaliero, sotto la soglia di 1.14 contro euro, mentre lo yen sotto 130, salvo poi correggere il movimento nel corso della giornata. Il prezzo dell’oro, beneficiario primario della nuova fase di incertezza, ha scalato ulteriori posizioni, raggiungendo la soglia dei 1340 dollari per oncia, testanto i massimi da novembre 2016.

 

Segui il trend dei mercati finanziari ed il calendario economico finanziario in tempo reale:

 

 

 

Economic Research
and Markets Strategy
Banca Aletti & C. S.p.A.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Plus500

Copyright Finanzaeinvestimenti.it

RIPRODUZIONE RISERVATA

Il presente documento non costituisce sollecito all'investimento ma contiene informazioni ad esclusivo scopo informativo, frutto di studi e operativita' degli autori.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Filtri ricerca


La nostra Newsletter

Registrati per avere la nostra guida al trading online in formato PDF!!

I nostri autori

Chi è online

Abbiamo 48 visitatori online su F&I

E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica.

Copyright 2013 - Finanzaeinvestimenti.it

Per eventuali segnalazioni, inviare una mail all'indirizzo info@finanzaeinvestimenti.it





Avviso importante sui rischi: le opzioni, il forex o gli altri strumenti finanziari offrono grandi possibilità di profitto, ma anche molti rischi. Per questo motivo il trading non è adatto a tutti gli investitori; prima di compiere qualsiasi operazione, investimento o deposito di denaro, è necessario comprendere appieno sia le potenzialità che i rischi. Bisogna essere pienamente coscienti delle potenziali perdite, per evitare sgradevoli situazioni. Tutte le informazioni contenute su Finanzaeinvestimenti.it sono fornite a solo scopo informativo e non costituiscono sollecitazione ad investimenti di qualsiasi genere. Non siamo un broker, una banca, una società d'investimento o un intermediario finanziario e non forniamo alcun servizio finanziario, d'investimento o di trading, pertanto, non ci riteniamo responsabili per qualsiasi eventuale perdita subita dal visitarore. Inoltre, Finanzaeinvestimenti.it non garantisce dell'accuratezza o della completezza delle informazioni fornite, e non si ritiene responsabile per qualsiasi errore, omissione o imprecisione.