FINANZAEINVESTIMENTI.IT - Il sito di informazione e analisi finanziara indipendente -

Ricerca lavoro impiegati finanziari

Dollaro più forte in vista della ripresa economica statunitense

Vota questo articolo
(1 Vota)

Forex: trend dollaroLa nuova settimana si apre all’insegna di un dollaro un poco più forte, grazie ad un flusso di dati macroeconomici finalmente robusto e superiore alle aspettative, degno di un’economia prossima al pieno impiego delle risorse produttive quale quella americana. Le notizie di lunedì, in particolare, hanno posto in luce la saldezza del comparto industriale, confermandone il ruolo di protagonista assoluto e ritrovato nel quadro della ripresa statunitense del 2017.

 

L’indagine ISM relativa al mese di giugno, condotta sui direttori di acquisto delle imprese, ha generato infatti la rilevazione massima degli ultimi tre anni; l’indice generale, importantissimo termometro del clima di fiducia delle imprese e ottimo anticipatore dell’evoluzione della manifattura, è cresciuto a 57.8, in netto rialzo dalla lettura di 54.9 del mese precedente, su valori abbondantemente superiori al consenso (55.2). Valori sopra 50 indicano espansione dell’attività economica.

 

L’indagine di giugno, tra l’altro, ha offerto indicazioni di particolare vigore anche nel dettaglio delle componenti, posto che gli indici relativi a produzione e nuovi ordini si sono attestati addirittura sopra la soglia dei 60 punti, mentre la componente occupazionale è balzata da 53.5 a 57.2, suggerendo un’accelerazione nel trend delle assunzioni. La statistica di lunedì ha avuto importanza fondamentale per risollevare le sorti del dollaro, poichè ha imposto una netta discontinuità alla successione di dati lungamente inferiori al consenso, che aveva appannato l’immagine di resilienza dell’economia americana.

 

Soffocando i timori – certamente eccessivi – di inversione ciclica, l’indagine ha ridato appetibilità alla divisa statunitense, che ha quindi bucato quota 1.14 contro euro, approdando in area 1.1360, sui massimi dal 28 giugno scorso. Nulla cambia per lo scenario di fondo, dove le incognite del quadro politico americano continuano a pesare sulle sorti del dollaro, ma certamente il trend di breve ha subito una scossa.

 

Complessivamente, però, ieri l’euro è rimasto forte, come dimostra la tenuta del tasso di cambio contro la sterlina (ancora 0.88 a fare da equilibrio) e yen. Mentre il dollaro segnava i massimi di sei settimane sullo yen, l’euro rinnovava il picco da febbraio 2016 in area 128.80. Ancora in crescita i prezzi del petrolio, che hanno esteso il forte trend crescente in atto dalla seconda metà di giugno, sino 46.8$/barile, ai massimi di un mese.

 

Segui il trend dei mercati finanziari ed il calendario economico finanziario in tempo reale:

 

 

 

Economic Research
and Markets Strategy
Banca Aletti & C. S.p.A.
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Plus500

Copyright Finanzaeinvestimenti.it

RIPRODUZIONE RISERVATA

Il presente documento non costituisce sollecito all'investimento ma contiene informazioni ad esclusivo scopo informativo, frutto di studi e operativita' degli autori.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Filtri ricerca


La nostra Newsletter

Registrati per avere la nostra guida al trading online in formato PDF!!

I nostri autori

Chi è online

Abbiamo 53 visitatori online su F&I

E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica.

Copyright 2013 - Finanzaeinvestimenti.it

Per eventuali segnalazioni, inviare una mail all'indirizzo info@finanzaeinvestimenti.it





Avviso importante sui rischi: le opzioni, il forex o gli altri strumenti finanziari offrono grandi possibilità di profitto, ma anche molti rischi. Per questo motivo il trading non è adatto a tutti gli investitori; prima di compiere qualsiasi operazione, investimento o deposito di denaro, è necessario comprendere appieno sia le potenzialità che i rischi. Bisogna essere pienamente coscienti delle potenziali perdite, per evitare sgradevoli situazioni. Tutte le informazioni contenute su Finanzaeinvestimenti.it sono fornite a solo scopo informativo e non costituiscono sollecitazione ad investimenti di qualsiasi genere. Non siamo un broker, una banca, una società d'investimento o un intermediario finanziario e non forniamo alcun servizio finanziario, d'investimento o di trading, pertanto, non ci riteniamo responsabili per qualsiasi eventuale perdita subita dal visitarore. Inoltre, Finanzaeinvestimenti.it non garantisce dell'accuratezza o della completezza delle informazioni fornite, e non si ritiene responsabile per qualsiasi errore, omissione o imprecisione.