FINANZAEINVESTIMENTI.IT - Il sito di informazione e analisi finanziara indipendente -

Ricerca lavoro impiegati finanziari

L’industry 4.0: una tendenza che vale 1,7 miliardi di euro

Vota questo articolo
(1 Vota)

Trend industria 4.0La Industry 4.0 è la tendenza dell’automazione industriale che integra nuove tecnologie produttive per migliorare le condizioni di lavoro e aumentare la produttività degli impianti. Visto il crescente sviluppo in Italia di questo nuovo concetto industriale, la Facoltà di Ingegneria dell’Università Niccolò Cusano ha realizzato l’infografica Industry 4.0 e Smart Factory: Tutti i trend in Italia e in Europa per scoprire meglio di cosa si tratta.
Secondo quanto illustrato nell’infografica, l’Industria 4.0 made in Italy vale 1,7 miliardi di euro e questo valore è dato per l’84% da imprese italiane e per il 16% dall’export.

 

Anche In Europa sembrano essere diversi in Paesi che si stanno muovendo in questo senso. Tra gli altri,  la Gran Bretagna, grazie al piano CATAPULT - High Value Manufacturing, la Germania, con il piano The Plattform Industrie 4.0, l’Olanda, con l’approccio Smart Industry, e la Francia, con Alliance Industrie du Futur.

 

Si procede poi nell’infografica ad illustrare il piano Industry 4.0 italiano sviluppato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dal Ministero dell’Economia, il Ministero dell’Istruzione, il Ministero del Lavoro e il Ministero delle Politiche Agricole e dell’Ambiente. Esso prevede un notevole impegno economico sia per lo Stato (per circa 13 miliardi di euro) sia per i privati (per circa 24 miliardi). Lo Stato supporta gli investimenti e cerca di operare promuovendo un matching tra startup, Pmi innovative, mercato e investitori. Gli obiettivi formativi del Piano Industry 4.0 sono quelli di raddoppiare gli iscritti agli istituti tecnici superiori, erogare competenze 4.0 a 200.000 universitari, formare 3000 manager e istituire 1900 dottorati di ricerca.

 

Nell’infografica, inoltre, è possibile notare gli effetti del piano sul mercato dei progetti italiani: il 63% (1 miliardo) è composto da progetti di connettività e acquisizione dell’Internet Of Things (28% in più rispetto al 2015), il 20% (330 milioni) dall’Industrial Analytics (23% in più rispetto al 2015), il 9% (150 milioni) dalla Cloud Manufacturing (25% in più rispetto al 2015), l’8% (120 milioni) dagli investimenti in Advanced Automation (non esisteva nel 2015) e l’1% (20 milioni) dall’Advanced Human Machine Interface (non esisteva nel 2015).

 

“Industry 4.0 è il nuovo concetto che sta cambiando l'idea stessa di fabbrica e produzione. Definita anche “Fabbrica intelligente”, la Industry 4.0 è la quarta rivoluzione industriale che passa per il concetto di Smart Factory che si compone di tre parti: Smart Production, Smart Energy e Smart Service. E’ sicuramente un’importante strada per ripensare il rilancio della manifattura italiana e sostenere la crescita socio-economica dell’intero Paese” ha commentato lo staff della Facoltà di Ingegneria dell’Università Niccolò Cusano.

 

 

 

Alessandro Scorrano
Redazione FinanzaeInvestimenti.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Plus500

Copyright Finanzaeinvestimenti.it

RIPRODUZIONE RISERVATA

Il presente documento non costituisce sollecito all'investimento ma contiene informazioni ad esclusivo scopo informativo, frutto di studi e operativita' degli autori.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Filtri ricerca


La nostra Newsletter

Registrati per avere la nostra guida al trading online in formato PDF!!

I nostri autori

Chi è online

Abbiamo 44 visitatori online su F&I

E' vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuti e grafica.

Copyright 2013 - Finanzaeinvestimenti.it

Per eventuali segnalazioni, inviare una mail all'indirizzo info@finanzaeinvestimenti.it





Avviso importante sui rischi: le opzioni, il forex o gli altri strumenti finanziari offrono grandi possibilità di profitto, ma anche molti rischi. Per questo motivo il trading non è adatto a tutti gli investitori; prima di compiere qualsiasi operazione, investimento o deposito di denaro, è necessario comprendere appieno sia le potenzialità che i rischi. Bisogna essere pienamente coscienti delle potenziali perdite, per evitare sgradevoli situazioni. Tutte le informazioni contenute su Finanzaeinvestimenti.it sono fornite a solo scopo informativo e non costituiscono sollecitazione ad investimenti di qualsiasi genere. Non siamo un broker, una banca, una società d'investimento o un intermediario finanziario e non forniamo alcun servizio finanziario, d'investimento o di trading, pertanto, non ci riteniamo responsabili per qualsiasi eventuale perdita subita dal visitarore. Inoltre, Finanzaeinvestimenti.it non garantisce dell'accuratezza o della completezza delle informazioni fornite, e non si ritiene responsabile per qualsiasi errore, omissione o imprecisione.