Pagina 2 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima
Risultati da 11 a 20 di 33
Like Tree1Likes
OPERATIVITA' » Etf
  1. #11
    Senior Member L'avatar di fanta
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Località
    (TO)
    Messaggi
    2,826
    Potenza Reputazione
    7

    Re: ETF Brasile.

    95857724..jpg
    Ultima settimana

  2. # ADS
    Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Località
    Advertising world
    Messaggi
    Many
     

  3. #12
    Moderatore L'avatar di pier
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    2,212
    Potenza Reputazione
    7

    Re: ETF Brasile.

    E' un po' tirato l'indice, di conseguenza lo è anche l'ETFS che ha come sottostante il BOVESPA INDEX, forse è un po' per questo che abbiamo perso un po' di vista una realtà emergente che sta di riflesso accusando, più di altre, il peso dei timori sull'economia. Più che di emergente si iniziano ad accusare i dubbi di "chi arriva"? in realtà i dati sul pil sembrano smentire i dubbi... dove arriverà?
    Sull'etfs aspetterei un ritorno su livelli di 24-26euro.
    L'ho ritirato fuori perchè alla ricerca di notizie su mexico e di bund degli emergenti ho scovato questo articolo:

    Brazil Bond Risk to Top Mexico as Morgan Stanley Wary of Rousseff's Budget

    Speculation is growing President Luiz Inacio Lula da Silva’s successor will boost deficit spending as Morgan Stanley and Royal Bank of Canada predict the risk associated with Brazilian debt relative to Mexico will climb to a 20-month high.
    Credit-default swaps that protect against default by Brazil debt will cost 20 basis points more than contracts for Mexico when presidential elections are held in October, up from a gap of 0.4 basis point, Morgan Stanley and RBC said. A year ago, insurance on Mexican debt cost 29 basis points more than on Brazilian bonds.
    Insuring Brazilian debt may become costlier than Mexico should Dilma Rousseff, Lula’s chosen heir and the leading candidate in polls, allow the budget deficit to swell, said Vitali Meschoulam, an emerging-market strategist at Morgan Stanley. The budget gap widened to 3.4 percent of gross domestic product in June from 1.3 percent in October 2008, the smallest since at least 1995, according to the central bank.
    “There could be a bigger fiscal deterioration during a Dilma administration,” Meschoulam said in a phone interview from New York. “If there’s a worsening of the fiscal accounts, that could complicate debt repayment down the line.”
    Five-year credit default swaps tied to Brazilian debt traded at 117.7 basis points yesterday, according to CMA DataVision. Swaps tied to Mexican bonds traded at 117.3 basis points.
    Methodology Change
    In the bond market, Brazilian debt yields less than Mexican securities. The South American country’s notes due in 2019 yield 3.65 percent at 5:00 p.m. New York time, compared with 3.77 percent for similar-maturity Mexican bonds, according to data compiled by JPMorgan Chase & Co.
    Brazil changed the methodology it uses to calculate its primary budget surplus target excluding interest payments last month, a move that RBC says may fuel more spending. Rousseff would have to reverse this measure to hold down Brazilian debt insurance costs versus Mexico, said Nick Chamie, head of emerging-markets research at RBC in Toronto.
    “This change in primary surplus target calculation is worrying to me and another step towards loosening the fiscal discipline that has got them this far,” RBC’s Chamie said.
    Brazil’s deficit of 3.4 percent of GDP is bigger than the 2.5 percent gap that Mexico forecasts for this year.
    Mexico’s BBB credit rating, the second-lowest investment- grade level, remains one step above Brazil’s ranking even after Standard & Poor’s lowered it in December from BBB+ on concern the budget gap was swelling. Mexico’s Baa1 rating at Moody’s Investors Service is two levels above Brazil’s Baa3.
    ‘More Growth’
    Rousseff, a former cabinet chief under Lula, had the support of 39 percent of those surveyed in an Ibope poll from Aug. 2 to 5, compared with 34 percent for Jose Serra, a former governor of Sao Paulo state, Ibope said on its website Aug. 7. Lula is ineligible to run for a third term.
    Rousseff vowed to cut tax rates and “continue changing with more growth and social inclusion” when she was confirmed as the candidate of Lula’s Workers’ Party on June 13.
    Brazil’s economy, Latin America’s biggest, will grow 7.1 percent this year, compared with a 4.5 percent expansion in Mexico, the region’s second largest, according to the Washington-based International Monetary Fund.
    “If there was any election risk, we would have seen the gap widening already,” said Enrique Alvarez, head of Latin America fixed-income research at IDEAglobal in New York.
    Yield Gap
    Brazil’s bond risk may decline relative to Mexico should the economic recovery in the U.S. falter, Alvarez said. Mexico sends 80 percent if exports to the U.S.
    Credit-default swaps pay the buyer face value in exchange for the underlying securities or the cash equivalent should a government or company fail to adhere to its debt agreements. A basis point equals $1,000 annually on a contract protecting $10 million of debt.
    The extra yield investors demand to own Brazilian dollar bonds instead of U.S. Treasuries shrank three basis points to 192 basis points, according to JPMorgan’s EMBI+ index.
    The real rose 0.3 percent to 1.7697 per dollar, reducing its slide this year to 1.4 percent. Yields on Brazil’s overnight interest-rate futures contract due in January fell one basis point to 10.78 percent.
    ‘Vastly Different’
    The cost of insuring Mexican bonds rose above Brazil for the first time in January 2009 as the global recession throttled Mexican exports to the U.S. and as sliding oil production widened the country’s budget deficit. Mexico’s premium over Brazil reached a record 72 basis points on March 9, 2009.
    Brazil’s gross public debt equaled 60.1 percent of GDP in June, according to the central bank. Mexico’s debt ratio is 34 percent, according to the Finance Ministry’s website.
    “Those are vastly different levels and obviously Mexico stacks up much better,” Chamie said. “Moving forward, we don’t see much upside for Brazilian credit default swaps versus Mexican. At the very best, Brazil should be trading flat to Mexico.”

    Molte di quelle cadute rinasceranno e molte cadranno che ora sono in onore



    Citazione Originariamente Scritto da Grifo104 Visualizza Messaggio
    - Sii preparato ad una volatilita' monstre.
    - Entra a piccole tranches sulle debolezze.
    - Trattieni liquidita' in portafoglio.
    - Questo non e' periodo per esposizioni consistenti.
    - Operazioni di piccolo cabotaggio.
    - il vento potrebbe cambiare in qualsiasi momento.

  4. #13
    Moderatore L'avatar di Grifo104
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Età
    45
    Messaggi
    17,911
    Potenza Reputazione
    22

    Re: ETF Brasile.

    Da quando ne abbiamo parlato quella volta a proposito della Cina non ho cambiato view. Confermo quanto detto da Pier.
    Tutti per uno. Uno per tutti.

  5. #14
    Moderatore L'avatar di pier
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Messaggi
    2,212
    Potenza Reputazione
    7

    Re: ETF Brasile.

    vedevo che la disoccupazione è in aumento;

    L'eTf da inizio anno aveva perso -8.29% poi in area 27 euro è ripartito verso l'alto.
    Molte di quelle cadute rinasceranno e molte cadranno che ora sono in onore



    Citazione Originariamente Scritto da Grifo104 Visualizza Messaggio
    - Sii preparato ad una volatilita' monstre.
    - Entra a piccole tranches sulle debolezze.
    - Trattieni liquidita' in portafoglio.
    - Questo non e' periodo per esposizioni consistenti.
    - Operazioni di piccolo cabotaggio.
    - il vento potrebbe cambiare in qualsiasi momento.

  6. #15
    Moderatore L'avatar di Grifo104
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Età
    45
    Messaggi
    17,911
    Potenza Reputazione
    22

    Re: ETF Brasile.

    Ora che le politiche monetarie restrittive sono state applicate in maniera sistamatica anche da altre economie emergenti credo che il Brasile abbia ampi margini di apprezzamento.
    Tutti per uno. Uno per tutti.

  7. #16
    Senior Member L'avatar di fanta
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Località
    (TO)
    Messaggi
    2,826
    Potenza Reputazione
    7

    Re: ETF Brasile.

    Disoccupazione in aumento e ETF si alza??

    Parlavo l'altro giorno con... Mi diceva che ora il Brasile ha scoperto un sacco di giacimenti ed è diventato una delle "potenze" mondiali paragonabile agli Emirati Arabi!! Sarà!... Probabile fra qualche anno avrà tali potenzialità (non ho i dati sicuri)..

    Però in tutto questo.. come mai la PETROBRAS (compagnia di Petrolio Nazionale) sta ai minimi?? (ca da inizio anno?)

    Forse per le contrapposizioni politiche con l'amministrazione USA? Forse perchè è tuttora un importatore di energie fossili e non esportatore.. A questo punto leggevo che sta iniziando ad esportare Petrolio (Al Cile..) perchè probabilmente l'aumento di produzione dai nuovi giacimenti sarà molto maggiore all'aumento dei consumi interni!
    Questo porterà probabilmente un leggero aumento di valore per la PETROBRAS.. ma a lungo tempo.. Coi valori di Petrolio MAssimi.. la stessa sta muj bassa...

    "La società ha un grande potenziale per diventare un grande esportatore mondiale," ha detto Max Bueno, analista di Spinelli in Sao Paulo . La crescita della domanda nel mercato interno il Brasile è improbabile a superare l'aumento della produzione, ha detto.
    Petrobras Sells First Cargo of Deepwater Lula Oil to Chile


  8. #17
    Senior Member L'avatar di fanta
    Data Registrazione
    Aug 2010
    Località
    (TO)
    Messaggi
    2,826
    Potenza Reputazione
    7

    Re: ETF Brasile.

    Il Brasile cambia marcia

    Il rallentamento delle aree sviluppate si fa sentire sul Sud America, soprattutto tra i paesi che vivono di export di materie prime.

    La crisi di Stati Uniti ed Europa continua ad indebolire l’America latina. La fiducia dei consumatori della regione si sta abbassando e, di conseguenza, anche l’attività manifatturiera inizia a tirare qualche colpo a vuoto. Gli effetti secondari sono minori investimenti da parte del settore pubblico e un giro di vite alle assunzioni da parte delle aziende. Il risultato di tutto questo è che l’indice Msci dell’area nell’ultimo mese ha perso l’11,14% (in euro), portando a -21,37% la performance da inizio anno (dati al 15 agosto). “Una minore crescita delle aree sviluppate sta avendo e avrà l’effetto di un freno sull’attività economica dell’America latina”, spiega uno studio della società di consulenza Thomas White International (Twi). “A sentire il rallentamento saranno soprattutto Messico e Colombia che hanno legami profondi con gli Usa. Per quanto riguarda gli stati che vivono di esportazione di materie prime, il possibile rallentamento della congiuntura globale rappresenterà un ulteriore ostacolo”.
    La locomotiva rallenta
    Sotto la lente degli operatori c’è sempre il Brasile, anche perché rappresenta la locomotiva dell’intera regione. I segnali di indebolimento economico che arrivano dal paese stanno spingendo gli economisti a rivedere al ribasso le previsioni precedenti. Quelli del Fondo monetario internazionale, che solo a giugno parlavano di un +4% per il 2011, ora preferiscono un più prudente 3,9% e non escludono ulteriori revisioni da qui a fine 2011. Colpa del calo di richiesta di commodity e di materiale industriale che è poi la conseguenza del colpo di freno a livello globale che stanno tirando le economie più sviluppate.
    Come previsto la Banca centrale ha aumentato ancora il costo del denaro, ma ha anche avvertito che si prenderà una pausa visto che l’inflazione si sta stabilizzando. “E’ vero che i prezzi al consumo restano al di sopra del tetto fissato dall’istituto centrale”, spiega il report di Twi. “Ma visto l’andamento generale dell’economia, i responsabili della politica economica preferiscono non togliere ossigeno alle famiglie e alle imprese”.
    Gli aiuti fiscali
    Per prevenire nuovi passi falsi della congiuntura il governo sta mettendo a punto una serie di misure fiscali che diano supporto all’attività industriale. La nuova strategia prevede sgravi fiscali per l’equivalente di 16 miliardi di dollari (in totale) alle aziende che non sono considerate competitive a livello internazionale, finanziamenti a tassi agevolati attraverso le banche controllate dallo stato e prestiti facilitati per chi lavora nell’export.
    Nel frattempo verrà rinnovata la linea di credito (anche questa passa attraverso le banche statali) concessa in passato alle sole aziende del comparto manifatturiero. “Queste misure probabilmente non avranno effetto immediato. Ma nel medio termine dovrebbero riuscire a impedire ulteriori indebolimenti della congiuntura”, dicono ancora da Twi.

  9. #18
    Moderatore L'avatar di Lara
    Data Registrazione
    Dec 2010
    Età
    32
    Messaggi
    170
    Potenza Reputazione
    4
    Brasile, congiuntura attesa in crescita anche nel 2012. Conti pubblici sotto controlloCrescita sostenuta anche nel 2012
    Sarà un carnevale più festoso del solito quello che inizia il 18 febbraio per il Brasile grazie alle nuove indicazioni arrivate dal fronte economico. L’indice che misura la fiducia delle imprese industriali ha segnato sul finire del 2011 un nuovo progresso che ha fatto superare la soglia critica dei 50 punti, livello spartiacque tra recessione ed espansione economica. A dicembre l’indice Pmi industriale si è portato a 52,4 punti dai 49,9 di novembre. Alla luce di questo dato confortante il ministro delle Finanze, Guido Mantega, ha colto l’occasione per affermare che nel 2012 l’economia carioca crescerà ad un tasso superiore di quello del 2011.


    Secondo le stime del governo, il Pil registrerà quest’anno una espansione del 4-5% rispetto al 3-3,5% atteso per il 2011 (i dati finali verranno resi noti nei primi giorni di marzo). Il dato assume particolare rilevanza soprattutto se si considera che nel 2011 è stato raggiunto un traguardo importante: secondo i dati elaborati dal centro di ricerca inglese Cebr il Brasile ha infatti scalzato la Gran Bretagna dal sesto posto delle maggiori economie mondiali alle spalle di Usa, Cina, Giappone, Germania e Francia.


    Governo e Banca centrale aiutano la congiuntura
    Per sostenere la principale economia del Sud America e far fronte al calo delle esportazioni di materie prime (di cui il Brasile è tra i principali esportatori al mondo) verso i Paesi industrializzati, il Banco central do Brasil ha deciso di cambiare rotta e intraprendere una politica monetaria espansiva. A partire dallo scorso 31 agosto l’istituto centrale ha iniziato a tagliare il tasso di riferimento (Selic), portandolo progressivamente dal 12,5% al 10,5% nell’ultima riunione di gennaio. Un intervento reso possibile anche grazie all’allentamento delle pressioni inflazionistiche. Nel 2011, infatti, è stato raggiunto in anticipo il target di inflazione atteso per il 2012, pari al 4,5 per cento. Per questo motivo, secondo alcuni esperti, il tasso di riferimento potrebbe essere ancora ridotto fino al 9,5% entro la fine dell’anno. Oltre alla politica monetaria espansiva, a stimolare la ripresa dell’economia ha contribuito anche la manovra fiscale decisa dal governo di Dilma Roussef. Dallo scorso mese di dicembre è stata azzerata l’imposta sulle operazioni finanziarie (la cosiddetta tassa Ifo) a carico degli investitori stranieri in azioni e obbligazioni societarie emesse per finanziare i progetti d’infrastrutture. Inoltre, sono state ridotte le tasse sui prestiti personali e su alcuni prodotti industriali. Gli sgravi fiscali non dovrebbero impattare sui conti pubblici che rimangono sotto controllo. Secondo il ministro Mantega nel 2011 il debito pubblico del Brasile si è attestato al 36,5% del Pil.

    Gli acquisiti premiano il listino brasiliano
    Il 2012 è iniziato positivamente per la Borsa di San Paolo. L’indice Bovespa ha chiuso il mese di gennaio con un progresso dell’11%, oltrepassando la soglia dei 65.000 punti. A sostenere la buona performance ha contribuito il rimbalzo dei titoli energetici e minerari. Il colosso petrolifero Petrobas e quello minerario Vale pesano da soli per oltre il 20% sull’indice brasiliano. Ma non solo. Il listino verdeoro è stato avvantaggiato anche dall'effetto cambio. Il real brasiliano ha infatti recuperato terreno nei confronti delle maggiori valute dei Paesi industrializzati, segnando forti aumenti proprio a inizio anno. A gennaio, il cambio real brasiliano/dollaro Usa è balzato di quasi il 7%, mentre il cross con la moneta unica ha visto un rialzo del 6 per cento.
    -

  10. #19
    Moderatore L'avatar di Grifo104
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Età
    45
    Messaggi
    17,911
    Potenza Reputazione
    22
    Grazie della news Milady. Il Brasile e' uno dei gioiellini del mio portafoglio di lungo termine. E grazie per gli interessantissimi indici sugli emergenti che hai postato.
    Tutti per uno. Uno per tutti.

  11. #20
    Moderatore L'avatar di Grifo104
    Data Registrazione
    Mar 2010
    Età
    45
    Messaggi
    17,911
    Potenza Reputazione
    22
    Brasile: L'economia rallenta significativamente nel 2011

    L'economia del Brasile ha rallentato significativamente nel 2011. Il PIL brasiliano è cresciuto lo scorso anno del 2,7%. Si è trattato della più modesta crescita dal 2003. Gli economisti avevano previsto una crescita del 2,8%. Nel 2010 l'economia brasiliana era cresciuta del 7,5%. Nel solo quarto trimestre il PIL del Brasile è aumentato su base annua dell'1,4% e su base sequenziale dello 0,3%. Per il 2012 il Governo brasiliano prevede un aumento del PIL tra il 4% e il 4,5%.

    Redazione Borsainside 19:10
    Tutti per uno. Uno per tutti.

Pagina 2 di 4 PrimaPrima 1234 UltimaUltima

Informazioni Discussione

Utenti che Stanno Visualizzando Questa Discussione

Ci sono attualmente 1 utenti che stanno visualizzando questa discussione. (0 utenti e 1 ospiti)

Discussioni Simili

  1. Nuove obbligazioni real Brasile 8%
    Di pincopallino75 nel forum Obbligazioni e Titoli di Stato
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 02-11-10, 14:13

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •